Fontane in Roma

Fontana dei Quattro Fiumi

9.1/10

La scultura detta Fontana dei Quattro Fiumi si trova a Roma in piazza Navona (davanti alla chiesa di Santa Agnese fatta da Borromini) ed è stata ideata e plasmata dallo scultore e pittore Gian Lorenzo Bernini nel 1651 su commissione di Papa Innocenzo X, in piena epoca barocca, durante il periodo più fecondo di questo artista.

sovrastata dall'obelisco di Domiziano]]

Si dice che il Bernini, per ottenere la commissione della realizzazione della Fontana da Innocenzo X, regalò un modello in argento dell'opera alto un metro e mezzo, alla cognata del Papa Donna Olimpia Maidalchini la quale avida come era, convinse il cognato Papa a concedere il lavoro appunto al Bernini che così facendo, spiazzò la concorrenza del Borromini.

Descrizione

La fontana si compone di una base formata da una grande vasca ellittica, sormontata da un grande gruppo marmoreo, sulla cui sommità si eleva un obelisco egizio ("Obelisco Agonale") di epoca romana, rinvenuto nel 1647 nel circo di Massenzio sulla via Appia.

Le statue che compongono la fontana hanno una dimensione maggiore di quella reale. I nudi rappresentano le allegorie dei quattro principali fiumi della Terra (Nilo, Gange, Danubio e Rio della Plata), uno per ciascuno dei continenti allora conosciuti, e nell'opera sono dei giganti in marmo appoggiati sullo scoglio in travertino.

Gli alberi e le piante che emergono dall'acqua e che si trovano tra le rocce appaiono anch'essi tutti in scala più elevata. Le creature animali e vegetali, generate da una natura buona e utile, appartengono a razze e a stirpi grandi e potenti. Lo spettatore, girando intorno all'imponente fontana, può scoprire nuove forme o particolari che prima erano nascosti o quasi del tutto coperti dalla massa rocciosa. Con questa fontana il Bernini vuole suscitare meraviglia in chi la guarda, componendo un piccolo universo in movimento ad imitazione dello spazio della realtà naturale.

Si tratta di un paesaggio in cui l'elemento pittorico tende a prevalere, con lo scoglio, con l'anfratto da cui esce un animale selvatico o su cui c'è una pianta rampicante. In questa opera il Bernini ottiene vive sensazioni atmosferiche: infatti un vento impetuoso colpisce la pianta di palma, la cui chioma urta contro la roccia, muove la criniera del cavallo e sibila tra gli anfratti della rupe.

A lavoro concluso, il Bernini volle dare colore alle rocce, alla palma, alle peonie, per farle sembrare d'oro. Così, all'illusionismo dell'insieme, si aggiungeva una componente coloristica ancora più accentuata.

I letterati e i poeti contemporanei espressero il loro stupore per una fontana così straordinaria, sottolineando l'impressione del capriccioso e in alcune parti perfino dell'esotico che la scultura trasmette in colui che la osserva. Il Bernini, più che nelle altre fontane, tende a valorizzare l'acqua come l'elemento essenziale della scultura.

Il disegno dei quattro colossi nudi che fungono da allegorie dei fiumi risalgono all'antico. I giganti del Bernini si muovono in gesti pieni di vita e con un'incontenibile esuberanza espressiva. Sull'antico, però, prevale l'invenzione del capriccioso. Così il Danubio indica lo stemma del Pamphili e il Nilo si copre il volto con un panneggio, facendo riferimento all'oscurità delle sue sorgenti, rimaste ignote fino alla fine del XIX secolo. Lo scultore ricerca uno studio più attento dei movimenti e delle espressioni, che l'artista varia al massimo.

Il Bernini nella progettazione della fontana volle conoscere e tener presente il significato della simbologia contenuta nell'obelisco egizio collocato al suo centro. Per decifrare le iscrizioni presenti sulle quattro facce si avvalse della collaborazione di Athanasius Kircher, un gesuita, colto umanista, operante in quegli anni a Roma; questi indubbiamente influenzò lo scultore con le sue teorie di stampo neoplatonico e i suoi riferimenti dotti alla sapienza egizia e caldea, alla cabala ebraica, e a molti altri ambiti culturali collegati tra loro dalla comune origine gnostico-sapienziale: ritroviamo tutti questi elementi presenti in forma simbolica nella fontana, che viene così a costituire quasi una prosecuzione delle simbologie presenti sulla stele. Kircher, come altri umanisti prima di lui, credeva in una continuità sapienziale di una linea proveniente dall'antico Egitto e dalla tradizione mosaica, passante per la cultura greco-persiana per approdare infine al cristianesimo delle origini. Nella fontana si possono riscontrare quattro nuclei tematici principali:

  • La tetrade (numeri consecutivi dall'1 al 4 sommati), simbolo numerico di matrice platonica e pitagorico-neoplatonica, di decifrazione complessa, è legato alla perfezione della creazione divina; è rappresentato dalla forma piramidale della stele, la piramide essendo una delle rappresentazioni della tetrade.
  • La polarità dicotomica. Forma speculativa di origine gnostica e manichea, viene svolta nella fontana sotto forma di coppie di opposti, rimandanti alla coppia originaria bene/male. Le due coppie più evidenti sono:
    • Luce/Buio: principale nucleo di senso dell'opera, è legato alla stessa forma dell'obelisco, rimandante a un raggio di luce, collocato in modo contrapposto alle tenebre rappresentate dalla caverna sotto la stele. Questa linea di pensiero proviene in particolare dall'emanazionismo di Plotino e da Cusano.
    • Piena/Secca: dialettica presente nella tradizione mosaica (episodio biblico delle vacche magre e delle vacche grasse) ed egiziana. Il leone della fontana che lambisce l'acqua con la lingua, modellato sulle statue di Moptha, il dio leone, presenti nei tempi egizi con la funzione di "nilometro", simboleggia l'alternanza abbondanza/carestia dovuta alla ciclicità delle piene del Nilo. La carestia, la distruzione, è rappresentata dall'ippopotamo, sostituito nella fontana, con uno stratagemma linguistico, dal cavallo (ippopotamo=cavallo di fiume), simbolo di Tifone, il vento arido che distrugge i raccolti.
  • L'uovo di Zoroastro. Schema cosmologico di forma ellissoidale, rappresentante l'azione nella cosmogonia dei principi opposti di luce e ombra. La pianta della fontana ricalca la morfologia dell'uovo: da questa riprende l'andamento ellissoidale e la collocazione del sole/obelisco, al centro. All'uovo di Zoroastro riportano inoltre le altre numerose simbologie riconducibili alla dicotomia luce/ombra.
  • La colomba. Allo stesso tempo simbolo dello Spirito Santo e stemma del pontefice Innocenzo X Pamphilij, che aveva commissionato la fontana, vuole sottolineare come il culmine della sapienza racchiusa nella simbologia della fontana, proveniente dall'Egitto ermetico e dalla Persia zoroastriana, è la rivelazione cristiana, posta in sostanziale continuità con quelle antiche forme di gnosi.

Leggende sulla fontana

Una leggenda, molto popolare ancora ai giorni nostri, è legata alla rivalità tra il Bernini e l'altro grande maestro del barocco, il Borromini. Si crede infatti che la statua del Rio della Plata tenga alzato il braccio nel timore di un crollo della prospiciente Sant'Agnese in Agone e che ugualmente la statua del Nilo si copra il volto per non doverla vedere (in realtà, la statua è coperta da un velo perché quando fu realizzata non si conoscevano ancora le fonti del Nilo). Si tratta di una semplice leggenda, poiché la fontana fu realizzata prima della chiesa, tra il 1648 e il 1651, mentre Sant'Agnese fu iniziata da Borromini non prima del 1652.

Sono inoltre tramandate dai cronisti dell'epoca alcuni esempi del carattere giocoso del Bernini: il giorno dell'inaugurazione della fontana, alla presenza di papa Innocenzo X, dopo aver scoperto il suo lavoro tutti rimasero folgorati dalla bellezza delle statue, ma la fontana era priva di acqua. Facendo finta di niente il Bernini raccolse le congratulazioni di tutti compreso il papa, il quale non fece cenno della mancanza per non umiliarlo e, solo quando egli stava facendo girare il corteo pontificio per andarsene un po' a malincuore, il grande scultore fece un cenno e finalmente il suo complice aprì la leva che fece sgorgare le acque, con grande ammirazione e soddisfazione di tutti. Ci sono tramandate anche le parole del papa che disse Cavalier Bernini, con questa vostra piacevolezza ci avete accresciuto di 10 anni di vita!.

In un'altra occasione Bernini dimostrò senso dell'umorismo: molti erano preoccupati della stabilità dell'obelisco sulla fontana e più di uno gli fece notare il suo innalzamento era una sfida all'equilibrio naturale, tanto che un giorno alcuni suoi rivali sparsero la voce che l'obelisco stesse per crollare. Bernini non mancò di arrivare presto, e, davanti alla numerosa folla che si era adunata, fissò alla base dell'obelisco quattro cordicelle sottili che solennemente attaccò con dei chiodini ai muri delle case circostanti della piazza.

Galleria

Gli animali della fontana

Sulla fontana sono stati raffigurati sette animali, oltre alla piccola colomba ed ai delfinetti nello stemma dei Pamphili. Per trovarli bisogna fare il giro attorno a tutta la fontana e sono: un cavallo, un serpente di terra (nella parte più alta vicino all'obelisco), un serpente di mare, un delfino (che fa anche da inghiottitoio delle acque), un coccodrillo, un leone e un dragone. Notevole è anche la resa delle piante scolpite che sembrano reali.

Bibliografia

Voci correlate

  • Gian Lorenzo Bernini
  • Piazza Navona
  • Barocco
  • Fontane di Roma
Categorie:
Posta un commento
Consigli e suggerimenti
Organizzato da:
Dasha Komisaruk
11 october 2016
I visited this place in the evening. It was breathtaking-night sky, lights everywhere and spectacular view. Probably one of my favorite places in Rome
Dave Sawyer
16 june 2016
This is a Bernini masterpiece — and easily the best fountain in Rome if not for that Trevi guy, chalk full of people just a short walk to the east.
Emily
29 june 2016
Absolutely stunning.. It is also very energetic in the night and the water is lit up and glowing very beautiful less heat fewer people.
Thorsten Sterk
1 october 2018
The Fountain of the four Rivers was commissioned by Pope Innocent X. and built by Gian Lorenzo Bernini in the years 1648-1651. It is considered a masterpiece of high baroque sculpture.
I Pini di Roma
15 october 2013
Designed in 1651 by Bernini for Innocent X. It represents four major rivers of the four continents through which papal authority had spread: the Nile, the Danube, the Ganges and the Río de la Plata
Sherry Ju
5 june 2016
Stunning statues and a great spot to chill out during night time. Street artist performances and people watching. ????
Carica altri commenti
foursquare.com
Posizione
Carta
Indirizzo

Fontana dei Quattro Fiumi, 00186 Roma RM, Italia

Ottenere indicazioni stradali
Orari di apertura
Mon-Sun 24 Hours
Riferimenti

Fountain of the Four Rivers on Foursquare

Fontana dei Quattro Fiumi on Facebook

Hotel nelle vicinanze

Vedi tutti gli hotel Vedi tutti
Hotel Best Roma

partenza $463

Hotel Infinito

partenza $75

Daniela Hotel

partenza $66

Espana Hotel

partenza $88

Shiva B&B

partenza $64

B&B Manzoni Holidays

partenza $94

Luoghi consigliati in zona

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Piazza Navona

Piazza Navona è una delle più celebri piazze di Roma. La sua forma è

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Chiesa di Sant'Agnese in Agone

La chiesa di Sant'Agnese in Agone (latino: Sanctis Agnetis in Agone)

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Palazzo Madama (Roma)

Palazzo Madama è un edificio di Roma, situato in Corso Rinascimento,

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Chiesa di San Luigi dei francesi

La chiesa di San Luigi dei Francesi è una chiesa di Roma che affaccia

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Pasquino

Pasquino è la più celebre statua parlante di Roma, divenuta figura c

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Chiesa di Santa Maria della Pace (Roma)

Santa Maria della Pace è una chiesa di Roma che si trova nel rione

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Basilica di Sant'Agostino in Campo Marzio

La chiesa di Sant'Agostino si trova a Roma, non lontano da piazza

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Pantheon (Roma)

Il Pantheon è un edificio di Roma antica, costruito come tempio

Simili attrazioni turistiche

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Jet d'Eau

Il Jet d'Eau, o Getto d'Acqua, è una grande fontana a Ginevra, in

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Font màgica de Montjuïc

La Font màgica de Montjuïc è una fontana che si trova nella Plaça d'E

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Buckingham Fountain

Buckingham Fountain is a Chicago landmark in Grant Park which was

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Zerkalʹnaya struya

Zerkalʹnaya struya (русский. Зеркальная струя) or Dzerkalʹnyi strumin

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Dubai Fountain

Dubai Fountain is the center piece of the Downtown Burj Dubai, located

Vedi tutti i posti simili