Monumenti in Maratea

Redentore di Maratea

7.9/10

La Statua del Cristo Redentore di Maratea è un'opera scolpita in marmo di Carrara, raffigurante appunto il Cristo Redentore dopo la Resurrezione. Fu voluta dal conte Stefano Rivetti di Val Cervo, che ne volle fare dono a tutta la cittadinaza di Maratea. Essa trova posto sulla punta più alta del monte San Biagio e fu ultimata nel 1965, dopo quasi due anni di lavoro.

Storia

Nel 1907, in occasione del primo centenario della Resistenza di Maratea, per volere popolare si collocò, sullo sperone roccioso più alto del monte San Biagio, una croce in ferro battuto. Questa però veniva abbattuta dai fulmini ogni volta che veniva rialzata. Così, nel 1942, il podestà di Maratea Biagio Vitolo fece erigere, al posto di quella in ferro, una nuova e più grande croce commemorativa, in cemento armato e completa di parafulmine. Il 4 settembre 1963, il conte Stefano Rivetti di Val Cervo comunicò l'intenzione di costruire una statua colossale, in omaggio alla cittadinanza di Maratea, che avrebbe sostituito la croce commemorativa di Vitolo nel suo significato simbolico. La realizzazione dell'opera fu affidata a Bruno Innocenti, a quel tempo professore dell'Istituto di Belle Arti di Firenze, e durò due anni.

Struttura

La statua poggia su uno scheletro di cemento armato, che affonda le sue fondamenta a diversi metri di profondità. Il manto esterno, spesso circa 20 cm, è fatto di cemento armato misto a scaglie di marmo di Carrara.

Le dimensioni la rendono la statua di questo genere più grande d'Europa, e nel mondo la fanno seconda solo a quella di Rio de Janeiro: è alta 21,13 metri, l'apertura delle braccia (che sono spalancate in atteggiamento di chi prega il Padre Nostro) è di 19 metri, la testa è alta circa 3 metri. Il peso della struttura è stato calcolato sulle 400 tonnellate.

La statua poggia direttamente sulla nuda terra, senza alcun piedistallo, lasciando visibile dalla tunica il piede sinistro; un'altra particolarità è che non è rivolta verso il mare bensì verso l'entroterra, a vegliare sul territorio e sugli abitanti di Maratea, ma è curvato in modo tale che, se visto dal mare o da lontano, sembra sia rivolto verso il mare.

Significato e simbolismo

Il volto del Cristo, molto vicino ad altre figure della produzione di Bruno Innocenti, è vistosamente differente dalla classica iconografia di Gesù.

L'autore parlò della sua opera in questi termini:

« La statua del Redentore in Maratea vuole significare la rinascita, la speranza nuova indicataci dal Cristo Risorto. Il punto d'incontro delle nostre aspirazioni migliori e lui, divinamente ritornante, spaziante nei cieli e in cammino, sempre, verso di noi. Il Redentore, con il largo gesto al cielo e con lo sguardo fisso ai fedeli, presenti nell'ignoto momento della loro esistenza, è legato al Padre Celeste nella benedizione che sta per essere impartita, mentre ancora una volta poggia il piede su questa terra che fu spettatrice della sua crocifissione. Ma in virtù della sua infinita capacità di perdono,niente traspare della tragedia vissuta. Ora è serenità, speran­za, perdono luminoso e confortante a venirci incontro: un Gesù giovane, senza tempo, mondo da ogni effimera apparenza terrena. Divinamente nuovo come il simbolo incarnato della seconda parte della Santissima Trinità, l'Umano e il Divino non più contaminati dall'uomo. Propostomi idealmente questo concetto, ho sentito il bisogno che l'opera nascente in un clima di sintesi, semplice ed espressiva, e che non vi fossero compiacenze a dettagli formali intesi a richiamare alla mente immagini di culto convenzionali. Ho inteso di attenermi a un linguaggio chiaro e il più possibile contenuto ed essenziale, perché, nelle dimensioni della statua, ritengo sarebbero stati controproducenti atteggiamenti e dettagli che avessero richiamato una realtà spicciola, contingente, minutamente reale. La statua sorgerà candida sulla cima del Monte S. Biagio, imponente, ma discreta; non un urlo dal mare verso le valli, ma un pacato richiamo ad accogliere e a raccogliere,a rinfrancare la speranza. Il candore della materia che la comporrà potrà richiamare alla mente le note di bianco su cui martella il mare nelle molteplici insenature dei golfi vicini, dove i bianchi ghiaioni contrastano fortemente con il colore incomparabile di questo mare e con il verde lussureggiante delle pendici digradanti. E le linee di forza della statua mi sono state evocate dalle possenti torri costiere qui disseminate come fari »</div>
(Domenico Dammiano, Maratea nella storia e nella luce della fede, Sapri, Tip. S. Francesco, 1965.)

Voci correlate

Categorie:
Posta un commento
Consigli e suggerimenti
Organizzato da:
Cinzia T
10 agosto 2014
Meraviglia
Claudio M
20 agosto 2012
Meraviglioso posto. La vista da quassù è splendida. Non ha nulla da invidiare a quello più famoso di Rio. Unica pecca, 4€ per il parcheggio e navetta mi sembra alquanto un furto!
Carica altri commenti
foursquare.com
Posizione
Carta
Indirizzo

Via Castello, 1, 85046 Santa Caterina PZ, Italia

Ottenere indicazioni stradali
Orari di apertura
Thu 10:00 AM–2:00 PM
Fri 10:00 AM–2:00 PM
Sat 10:00 AM–Noon
Sun 10:00 AM–2:00 PM
Mon Noon–9:00 PM
Tue Noon–3:00 PM
Riferimenti

Cristo Redentore di Maratea on Foursquare

Redentore di Maratea on Facebook

Hotel nelle vicinanze

Vedi tutti gli hotel Vedi tutti
A Garden in Bloom

partenza $78

Santavenere Hotel

partenza $324

La Locanda Delle Donne Monache

partenza $162

Club Residence Pianetamaratea

partenza $82

Hotel Murmann

partenza $103

La Dimora del Cardinale

partenza $73

Luoghi consigliati in zona

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Certosa di Padula

La Certosa di Padula, conosciuta anche come Certosa di San Lorenzo, è

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Torre del Telegrafo (Ascea)

La Torre del telegrafo è un edificio, oggi diruto, che faceva parte

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Elea-Velia

Elea (in greco antico: Ἐλέα), denominata in epoca romana Velia, è un

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Grotte di Pertosa

Le Grotte di Pertosa (il cui nome ufficiale è Grotte dell'Angelo di

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Grotte di Castelcivita

Le Grotte di Castelcivita sono un complesso di cavità carsiche

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Castello Tramontano

Il castello Tramontano è situato sulla collina di Lapillo,

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Parco archeologico di Sibari

Il Parco archeologico di Sibari si trova a Cassano all'Ionio, nella

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Tempio di Nettuno (Paestum)

Il Tempio cosiddetto di Nettuno (detto anche Tempio di Poseidone) è

Simili attrazioni turistiche

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Lincoln Memorial

Il Lincoln Memorial è un monumento costruito in onore di Abraham

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Palazzo Dolmabahçe

Il Palazzo Dolmabahçe (lingua turca: Dolmabahçe Sarayı) è il primo pal

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Bethesda Terrace

Bethesda Terrace overlooks The Lake in New York City's Central Park.

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Çanakkale Martyrs' Memorial

The Çanakkale Martyrs' Memorial (Turkish: Çanakkale Şehitleri An

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Borsa di San Pietroburgo

__DISAMBIG__Borsa di San Pietroburgo

Vedi tutti i posti simili