Sacred mountains in Neá Skíti

Repubblica del Monte Athos

8.7/10

La Repubblica del Monte Athos (in greco Άγιον Όρος, Ághion Óros) pur appartenendo formalmente al territorio dello Stato greco, che vi mantiene un governatore nominato dal Ministro degli Esteri greco, è classificata dal diritto ellenico come un'"entità teocratica indipendente" tanto che, nonostante la Grecia faccia parte dell'Unione Europea e abbia abolito i controlli doganali, l'ingresso è sottoposto a una particolare giurisdizione restrittiva: per entrarvi è infatti necessario uno speciale permesso di soggiorno, il Dhiamonitirion, che permette di visitare Monte Athos per 4 giorni. Si può comunque richiedere in loco un'estensione per altri 2-3 giorni. Dipende direttamente dal Patriarca di Costantinopoli. Formalmente fa parte della Macedonia Centrale, dove confina per una sottile striscia di terra.

Organizzazione

Si trova nella "lingua" più orientale della Penisola Calcidica ed è abitata da circa 1500 monaci ortodossi distribuiti in 20 monasteri principali o laure, oltre a 12 Skiti (comunità di monaci singoli sorte intorno a chiese) e a circa 250 Celle, o eremi isolati. Tutte le Skiti o le Celle sono autonome per quel che riguarda la loro vita interna, ma ricadono sotto la giurisdizione di uno dei 20 monasteri principali per quel che riguarda i problemi generali della vita monastica e i problemi amministrativi.

Ognuno dei 20 monasteri principali elegge un proprio superiore e i rappresentanti per la Santa Assemblea che esercita il potere legislativo su tutto il Monte Athos.

L'unica città, che funge da capitale, è Karyai: qui hanno sede le istituzioni della repubblica monastica, la tesoreria, gli alloggi dei rappresentanti dei vari monasteri, la farmacia, le poste, un piccolo ospedale, alcune botteghe e una foresteria. Vi risiede anche il governatore dello stato greco. La città, al centro della penisola di Athos e a 375 mt. s.l.m., è stata costruita intorno al IX secolo, in un sito nelle cui vicinanze sorgeva nell'antichità un santuario dedicato alla dea Artemide. A Karyai è conservata il Tragos, un rotolo di pergamena redatto nel 971 dagli Igumeni dei monasteri athoniti e controfirmato e sigillato dall'imperatore Giovanni Zimisce, che sancisce l'indipendenza perpetua del Monte Athos.

Mezzi di trasporto

Il traghetto proveniente dalla città greca di Uranopoli, l'unico mezzo per arrivare in questa repubblica, arriva al porto di Dafni, da dove una corriera porta alla minuscola capitale. Per spostarsi tra i vari monasteri occorre fare affidamento sulle poche corriere, sui mezzi degli stessi monasteri, che all'occorrenza trasportano i visitatori, sui battelli che collegano i monasteri o le skiti sulla costa e, soprattutto, sulle proprie gambe. I sentieri, specie nella parte sud, sono spesso impervi e scoscesi, inadatti a chi soffre di vertigini. Vi è un secondo battello, più piccolo, che collega i monasteri della costa est partendo dal porto di Ierissos. Viaggia solo in caso di bel tempo e quindi i collegamenti non sono sempre garantiti e sicuramente mai nella stagione invernale.

Il divieto di ingresso alle donne

sul divieto d'ingresso alle donne]] Trattandosi di un territorio abitato da monaci, per lunga tradizione a Monte Athos possono entrare solo uomini. Il controllo viene effettuato all'imbarco da Uranopoli e, se necessario, viene ripetuto all'arrivo a Dafni. Una credenza popolare a riguardo racconta che il divieto si estenderebbe anche agli animali. La notizia è infondata ma in realtà il divieto di accesso alle donne è stato così rigoroso nel corso della millenaria storia dell'Athos, che solo poche volte è stato infranto. Ciò è capitato ad esempio durante la Seconda Guerra Mondiale, quando un gruppo di partigiani comunisti, tra cui alcune donne, entrarono nella montagna sacra.

L'ospitalità monastica

Una delle caratteristiche principali del Monte Athos è che i visitatori sono ospitati dai vari monasteri. Per questa ragione il loro ingresso è limitato e l'accoglimento delle richieste può richiedere molti mesi. Solo il 10% circa dei 30.000 visitatori annui ammessi sono stranieri. La vita interna e gli spostamenti tra i vari monasteri sono regolati dalla vita quotidiana monastica. Il tramonto, secondo l'antica consuetudine, corrisponde alla mezzanotte e i monaci si svegliano nella notte, all'ora sesta nel loro orologio tradizionale, per la preghiera. Il pranzo avviene verso le 11 e la cena verso le 17. I visitatori mangiano con i monaci e tutto si svolge in non più di 15 minuti, mentre un monaco legge le Scritture: mangiare, infatti, distrae dalla preghiera, scopo principale della loro vita. I visitatori vengono accolti al loro arrivo da un monaco che offre loukoumies, raki e acqua. Vengono poi accompagnati nella foresteria dove si dorme in camerate con servizi comuni. Naturalmente possono partecipare alle varie funzioni religiose, ed in effetti questo è quel che fanno la maggioranza dei visitatori, che si comportano da veri pellegrini ortodossi.

È buona norma assicurarsi, mediante prenotazione, che il monastero dove si è previsto di fare tappa abbia posti disponibili nella foresteria. Non è infrequente, infatti, che pellegrini provenienti dal paese di origine dei monaci di quel monastero (ne esistono di Russi, Serbi, Bulgari, eccetera) abbiano già riempito la foresteria. In tal caso il monastero è visitabile, ma occorre dormire in un altro luogo.

Le ricche testimonianze storiche, artistiche, documentali e mistiche

L'Athos custodisce numerosi tesori artistici: antichi manoscritti, icone e affreschi dipinti dai più illustri rappresentanti della pittura bizantina, Teofane il Greco e Manuele Panselinos. Fin dalle origini, la Santa Montagna ha ospitato mistici e maestri spirituali, i cui scritti - assieme a quelli di molti altri autori cristiani - furono raccolti nella Filocalia, una celebre antologia del XVIII secolo, la quale ha influenzato profondamente il mondo ortodosso. L'ultimo monaco canonizzato (1988) della Santa Montagna è il mistico Silvano del Monte Athos (1866-1938), i cui scritti sono stati tradotti nelle principali lingue occidentali.

Il canale di Serse

Il monte Athos è una penisola. Ma vi è stato almeno un lasso di tempo, in età non geologica ma storica, in cui è stata separata dal continente divenendo, tecnicamente, un'isola. Ciò avvenne durante la seconda spedizione delle Guerre persiane, quando Serse, memore della precedente sfortunata missione navale di Mardonio, fece costruire un canale navigabile per risparmiare alla flotta persiana il periplo del promontorio, le cui insidie avrebbero potuto rivelarsi ancora una volta esiziali.
L'esistenza della ciclopica opera idraulica, la cui memoria ci è tramandata da Erodoto, è stata a lungo messa in dubbio. Si deve a una recente ricerca archeologica, effettuata con avanzate tecniche di prospezione, la clamorosa riscoperta della sua esistenza.
Con il senno di poi sarebbe bastato guardare le cose dall'alto: il Canale di Serse ha infatti lasciato una traccia ben visibile dallo spazio, persino dalle immagini satellitari a bassa definizione disponibili in rete. Шаблон:Vedi anche

Lista dei centri abitati

I venti monasteri

  1. Grande Laura (Μεγίστη Λαύρα, Megísti Lávra)
  2. Vatopedi (Βατοπέδι or Βατοπαίδι)
  3. Iviron (Ιβήρων; ივერთა მონასტერი , iverta monasteri) - costruito dai georgiani
  4. Hilandar (Χιλανδαρίου, Chilandariou; Хиландар) - Serbo
  5. Dionysiou (Διονυσίου)
  6. Koutloumousiou (Κουτλουμούσι)
  7. Pantokrator (Παντοκράτορος, Pantokratoros)
  8. Xiropotamou (Ξηροποτάμου)
  9. Zografou (Ζωγράφου, Зограф) - Bulgarian
  10. Dochiariou (Δοχειαρίου)
  11. Karakalou (Καρακάλλου)
  12. Filotheou (Φιλοθέου)
  13. Simonos Petra (Σίμωνος Πέτρα or Σιμωνόπετρα)
  14. Saint Paul's (Αγίου Παύλου, Agiou Pavlou)
  15. Stavronikita (Σταυρονικήτα)
  16. Xenophontos (Ξενοφώντος)
  17. Osiou Grigoriou (Οσίου Γρηγορίου)
  18. Esfigmenou (Εσφιγμένου)
  19. San Panteleimone (Αγίου Παντελεήμονος, Agiou Panteleimonos; Пантелеймонов; o Ρωσικό, Rossikon) - Russo
  20. Konstamonitou (Κωνσταμονίτου)

Prinicipali skite

  • Kafsokalyvia
  • Lakkoskete (Lacu, Sfântul Dumitru - romeno)
  • Nuovo Skita
  • Prodromos (Prodromu, Sfântul Ioan Botezătorul - romeno)
  • Provata
  • Skita di Sant'Anna
  • Skita di San Basilio
  • Skita di Iviron
  • Sketa di Koutloumousiou
  • Skita di Pantokratoros
  • Sketa di Vatopedi
  • Skita di Xenophontos
  • Skita di Sant'Andrea conosciuto anche come Saray (Σαράι)

Centri abitati

  • Karyes (238 ab.), capitale della repubblica monastica
  • Dafni (38 ab.), porto principale

Bibliografia

  • Charles Diehl, Figure bizantine, introduzione di Silvia Ronchey, 2007 (1927 originale), Einaudi, ISBN 978-88-06-19077-4
  • Efthalia Rentetzi, I santuari in Grecia, in “Studi Ecumenici. Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino”, Venezia 2008 (n. gennaio-marzo), pp. 35-60.[1]

Voci correlate

  • Lista di entità autonome
  • Demografia del Monte Athos

Altri progetti

Шаблон:Interprogetto

Collegamenti esterni

Posta un commento
Suggerimenti e consigli
Organizzato da:
Visit Greece
16 september 2011
The Holy Mountain is the entire third, eastern peninsula of Halkidiki. It is the only place in Greece that is completely dedicated to prayer and worship of God. A monastic community lives there.
The West Wing
23 september 2011
Mount Athos the spiritual centre of the Orthodox world and on the development of religious architecture and monumental painting. A World Heritage Monument of Unesco
Carica altri commenti
foursquare.com
Posizione
Mappa
Indirizzo

11.1km from Agio Oros 630 87, Grecia

Ottenere indicazioni stradali
Orari di apertura
Tue 7:00 AM–Noon
Wed 24 Hours
Thu 4:00 AM–10:00 AM
Fri 6:00 AM–7:00 AM
Sat 7:00 AM–8:00 AM
Sun 4:00 AM–5:00 AM
Riferimenti

Mount Athos (Όρος Άθως) on Foursquare

Repubblica del Monte Athos on Facebook

Hotel nelle vicinanze

Vedi tutti gli hotel Vedi tutti
Alternative beauty, breathtaking view !

partenza $0

Xenia Ouranoupolis Hotel

partenza $89

Hotel Ermioni

partenza $42

Sunset Hotel

partenza $63

Sunrise Hotel

partenza $81

Ayia Marina Suites

partenza $127

Luoghi consigliati in zona

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero di Agiou Pavlou
Grecia

Il monastero di Aghios Pavlos (Monastero di San Paolo, in greco :

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Lakkoskiti
Grecia

Lakkoskiti (ελληνικά: Σκήτη Αγίου Δημητρίου ή Λακκοσκήτη) is a tourist

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero di Dionysiou
Grecia

Il monastero di Dionysiou (in greco : Μονή Διο

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero della Grande Lavra
Grecia

Il monastero della Grande Lavra (in greco : Μεγίστης Λαύρας)

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Prodromos (Mount Athos)
Grecia

Prodromos (Mount Athos) (ελληνικά: Σκήτη Τιμίου Προδρόμου Μεγίστης

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero di Osiou Grigoriou
Grecia

Il monastero di Osiou Grigoriou (in greco : Μονή Γρη

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero di Karakalou
Grecia

Il monastero di Karakalou (greco : Καρακάλλου) è uno dei venti

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monastero di Simonopetra
Grecia

Il monastero di Simonopetra o monastero di Simonos Petras (in

Simili attrazioni turistiche

Vedi tutti Vedi tutti
Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monte Tai
Repubblica Popolare Cinese

Il monte Tai (Tai Shan, 泰山) è la più importante delle cinque monta

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monte Emei
Repubblica Popolare Cinese

Il monte Emei (峨嵋山, pinyin Éméi Shān,

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monti Wudang
Repubblica Popolare Cinese

I Monti Wudang (in cinese: 武当山, Wǔdāng Shān), conosciuti anche co

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Monte Qincheng
Repubblica Popolare Cinese

Il Monte Qingcheng (in cinese: 青城山, Qīngchēng Shān) è una montagna

Aggiungi alla lista dei desideri
Sono stato qui
Visitato
Nanda Devi
India

Nanda Devi (in italiano: Dea dispensatrice di beatitudine) è un

Vedi tutti i posti simili